Tu sei qui

Vecchia Casina Maidopis – Arcu 'e Tidu C-814

(814) Vista sulle creste dei 7 Fratelli.jpg

Vista sulle creste dei 7 Fratelli
Vista sulle creste dei 7 Fratelli
Foto di
Matteo Cara

(814) Resti di antichi ovili nel bosco.jpg

Resti di antichi ovili nel bosco
Resti di antichi ovili nel bosco
Foto di
Matteo Cara

(814) Il guado a fondovalle.jpg

Il guado a fondovalle
Il guado a fondovalle
Foto di
Matteo Cara

(815) Arcu sa Spina, fine del sentiero.jpg

Arcu sa Spina
Arcu sa Spina
Foto di
Matteo Cara

L’ex “sentiero arancione” permette di ritornare dalla zona di Maidopis alla Caserma Noci, presso Arcu ‘e Tidu e alla SS 125. Lungo il percorso si sfiorerà più volte il sentiero 815 (ex verde) insieme al quale è possibile quindi programmare un bell’anello, oppure raggiunger la frazione di Monte ‘e Cresia dal passo di Arcu Sa Spina.. Il sentiero percorre alcuni tratti difficili su fondo roccioso, con viste splendide sulle creste dei Sette Fratelli.

Il punto di partenza di questo sentiero è all'ingresso della sterrata che, a poche decine di metri dal Museo del Cervo sardo, conduce verso Maidopis. Dopo poche curve si incontra un bivio, in comune con il punto di arrivo del percorso "blu" , ma subito lo si abbandona per seguire i segnavia colore arancio sulla sinistra. Il primo tratto è in costante salita e raggiunge Monte Arrubiu da cui si gode di un ottimo panorama sulle vette dei Sette Fratelli.

Da qui si inizia a scendere prima verso Arcu sa Spina, avvicinandosi sulla fascia tagliafuoco, poi si prosegue  verso Maidopis su sentiero immerso nel verde, che dopo aver raggiunto un'area di sosta, converge sul tracciato del sentiero "rosso" per sbucare sull'area del Giardino botanico.

Informazioni utili

Storicamente questo sentiero è stato denominato "sentiero arancio" ovvero sentiero n.4, tuttavia nel corso del 2015 l'Ente Foreste - grazie ad un intervento di risistemazione degli itinerari del complesso forestale ed apposizione di nuova segnaletica a standard CAI, provvederà a ridenominare i sentieri con una codifica numerica adeguata alla zona. Questi nomi "storici, tuttavia, resteranno richiamati su SardegnaSentieri e nella cartografia escursionistica

Il percorso
Roadbook

Si parte davanti all’Orto Botanico di Maidopis, proseguendo sulla sterrata in direzione sudest tenendo a sinistra le strutture dell’Agenzia Forestas e il recinto dei cervi. Nei pressi di un’area attrezzata si incontra un secondo segnale, prendendo quindi a destra in decisa salita su una larga mulattiera. La salita è costante, sotto un bel bosco, ma termina in breve nell’ampio spiazzo di Arcu Sa Spina, dove transita anche la pista frangifuoco. Si prende a destra, raggiungendo l’intersezione con il sentiero 815.

Un sentierino si tuffa nel bosco, stretto tra la vegetazione, prendendo subito a salire decisamente. Tra alcune rocce e sotto i lecci si raggiunge Monte Arrubiu, dove tra alcuni suggestivi roccioni è possibile inquadrare l’area di Monte Cresia e Monte Eccas. Si prosegue ora in leggera discesa, su fondo sconnesso, con la vegetazione che si apre gradualmente permettendo una bellissima visuale sulle cime dei Sette Fratelli e Perda Asub’e Pari. Si incontra una larga e comoda carrareccia che prosegue in piano, fino ad un bivio dove, andando a sinistra, si arriverebbe rapidamente a congiungersi col sentiero 815.

Si imbocca un sentierino che serpeggia tra alcune rocce, su fondo che va via a rovinarsi, inizialmente in piano e poi in costante discesa. Si oltrepassa uno slargo pianeggiante, nel quale si individuano i resti in muratura di un ovile e dei recinti per il bestiame, imboccando poi una mulattiera che prende a scendere ripidamente nella lecceta, in direzione del fondovalle, tenendosi inizialmente sul dorso di Bruncu ‘e Mesu e portandosi poi sulla sinistra.

Al termine della discesa si incontra un bivio col sentiero 814A. Si prosegue a destra, in piano, superando un piccolo guado grazie a un ponticello in legname, oltre il quale si incontrano altri bivi che riportano in alto al sentiero 815. Ci si tiene sulla destra, superando un piccolo rilievo nel quale si riconoscono i ruderi di una casupola di carbonai, ricongiungendosi in breve alla strada sterrata dove il sentiero termina.

Sei già stato qui? Com'era?

Valuta l'impegno richiesto: 1. Per tutti; 2. Semplice; 3. Fisicamente impegnativo; 4. Fisicamente e tecnicamente impegnativo, guida consigliata; 5. Per esperti.
Average: 3 (4 votes)

Commenta

Dati

Attività
Trekking
Difficoltà
TrekkingEscursionistico
Tipo di fondo
Carrereccia/Mulattiera
Sentiero
Strada sterrata
5.200 m
2 ore 30 min a piedi

Stato di Validazione

Dettagli Tecnici

Codice CAI
814
Quota minima
407 metri
Quota massima
740 metri
Dislivello totale in salita
242 metri

Scarica GPX

Progetto cofinanziato con il Fondo Europeo per lo Sviluppo RegionaleLa Cooperazione al cuore del MediterraneoLogo progetto IntenseLogo Agenzia Forestas (italiano/sardo)Logo Regione Sardegna