Tu sei qui

Sa Ia 'e Su Vagoni D-323

(323) Ingressi minerari sulla decauville.jpg

Ingressi minerari sulla decauville
Ingressi minerari sulla decauville
Foto di
Matteo Cara

(323) Passaggio nella galleria.jpg

Passaggio nella galleria
Passaggio nella galleria
Foto di
Matteo Cara

(323) Sa ia 'e su vagoni.jpg

Sa ia 'e su vagoni
Sa ia 'e su vagoni
Foto di
Matteo Cara

Uno splendido anello storico che parte dalla zona delle grotte e della chiesina di San Giovanni per ritornare al punto di partenza percorrendo il tracciato dell’antica decauville che dagli scavi di Su Corovau portava il materiale estratto fino ai carri destinati al trasporto. Il sentiero si snoda a picco sulla vallata, passando in una galleria artificiale, tavolta con panorami splendidi sul bosco e la zona di Sa Duchessa.

Il percorso
Roadbook

Ci si stacca dal sentiero 324 tenendo la destra, in graduale salita, raggiungendo una sella in mezzo al bosco superata la quale si apre una bella vista sull’ingresso nord della Grotta di San Giovanni e sulla vallata che fronteggia la grotta. Questa cavità, che attraversa la montagna da parte a parte, è una delle poche percorse interamente da una strada carreggiabile, fortunatamente oggi visitabile solo a piedi con ingresso da sud. La strada fu costruita proprio per il passaggio del minerale e del carbone estratto dalle montagne circostanti.

Si prosegue su una bella mulattiera, sempre assai panoramica, iniziando poi gradualmente a scendere per raccordarsi ad un bivio tra una sterrata e una strada asfaltata che proviene dalle grotte. Si prosegue a sinistra, sulla bella sterrata che si inoltra nella lecceta, tenendo sulla destra una spianata nella quale si distinguono le rovine di un pollaio abbandonato. Si giunge a un grosso bivio, dove bisogna prendere a sinistra, in salita.

Si è giunti in zona Su Corovau, dove esisteva una bella miniera, di cui oggi residua assai poco. Mentre si sale sulla grossa carrareccia si nota una tramoggia per il carico del minerale, posta a destra nel gomito di un tornante. Ad un secondo tornante si prende a sinistra in direzione di marcia(sudest) imboccando quella che è apparentemente una mulattiera in piano.

Il sentiero si snoda invece sul tracciato della antica decauville che dalla miniera portava il minerale proprio alla zona di carico, situata nei pressi della grotta. Si trattava di una ferrovia a scartamento ridotto, con un convoglio composto da una motrice e piccoli vagoni utilizzati per il carreggio. Questo percorso è noto infatti come Su Passu ‘e Su Vagoni (o Sa ia ‘e su vagoni) proprio per la sua particolarità. Osservando con attenzione il lato a valle si noteranno grossi terrazzamenti in pietrame a secco, realizzati per permettere al tracciato di proseguire sempre con poca pendenza e con regolarità.

Il bel percorso passa accanto ad alcune gallerie minerarie dalle quali proviene un soffio d’aria, chiuse con delle grate. La più importante era la Galleria Rolfo, segnalata da un cartello, poco prima della quale si incontra una casupola diroccata che veniva utilizzata evidentemente a servizio della ferrovia. Dopo la galleria Rolfo il sentiero inizia il suo tratto più spettacolare, con tratti panoramici talvolta a picco sulla vallata. Le imponenti opere di sostegno del piano ferroviario dimostrano la perizia e la grande esperienza progettuale degli operai e degli ingegneri minerari.

Una costola rocciosa sbarra il passaggio, ma è stata superata con una lunga galleria artificiale che costituisce il punto più caratteristico del percorso. Superata la galleria, un ultimo tratto in piano e sotto il bosco riporta rapidamente all’incrocio da cui si era partiti.

Sei già stato qui? Com'era?

Valuta l'impegno richiesto: 1. Per tutti; 2. Semplice; 3. Fisicamente impegnativo; 4. Fisicamente e tecnicamente impegnativo, guida consigliata; 5. Per esperti.
Ancora nessun voto

Commenta

Dati

Attività
Passeggiate e Nordic Walk
Difficoltà
TrekkingEscursionistico
Tipo di fondo
Carrereccia/Mulattiera
Sentiero
Strada sterrata
4.655 m
1 ora 15 min a piedi

Stato di Validazione

Dettagli Tecnici

Codice CAI
323
Quota minima
230 metri
Quota massima
299 metri
Dislivello totale in salita
146 metri

POI correlati

Progetto cofinanziato con il Fondo Europeo per lo Sviluppo RegionaleLa Cooperazione al cuore del MediterraneoLogo progetto IntenseLogo Agenzia Forestas (italiano/sardo)Logo Regione Sardegna