Tu sei qui

Riu Cannisoni - Genna Su Padenti (Togoro) D-101

100end, 101 end - Genna su padenti-1.jpg

Genna su padenti
Genna su padenti
Foto di
Matteo Cara

101 - Il ponte sul Rio Cannisoni-1.jpg

Il ponte sul Rio Cannisoni
Il ponte sul Rio Cannisoni
Foto di
Matteo Cara

101 - Nei dintorni di Punta Piscina Irgas-1.jpg

Nei dintorni di Punta Piscina Irgas
Nei dintorni di Punta Piscina Irgas
Foto di
Matteo Cara

Un lungo sentiero di raccordo tra i comuni di Villacidro e Gonnosfanadiga, nella porzione occidentale del massiccio del Linas.
Tra i tanti luoghi percorsi occorre citare l’alta valle dell’Oridda che permette di connettere significativamente la rete dei sentieri del Linas a quella del Marganai e dirigersi quindi verso Arenas.  Il sentiero prosegue invece sui rilievi della zona di Muru Mannu e del Monte Lisone.

ATTENZIONE!

Nel corso del 2021 per la segnaletica orizzontale e verticale e per la traccia sono in corso verifiche e manutenzioni del percorso da parte dell'Agenzia Forestas, in collaborazione con il CAI di Cagliari.  Il sentiero, tradizionalmente noto con il numero 101, verrà probabilmente rinominato nel nuovo Catasto Regionale della R.E.S. con il numero100. 

CONSIGLI E CARATTERISTICHE SALIENTI

L'itinerario risulta impegnativo, e nel complesso la difficoltà, i chilometri, le pendenze assai elevate, il fondo sconnesso e pietroso, ed i tempi di percorrenza possono risultare provanti: pertanto è consigliato a persone allenate ed esperte.

  • Risulta importante portare con sé una buona riserva d'acqua, specie nella stagione estiva e tardo-primaverile.
  • In occasione di precipitazioni meteo particolarmente intensi, la conformazione dell'area rende questi sentieri particolarmente esposti alle intemperie.
  • Considerate le quote raggiunte, in presenza di nuvole basse, nebbia o perturbazioni potrebbero sopraggiungere lungo il percorso problemi di visibilità tali da rendere difficoltoso l'orientamento; 
Informazioni utili

Lungo il percorso potrebbe non essere presente alcun segnale telefonico.

Il percorso
Roadbook

Si parte nei pressi del greto di Riu Cannisoni, in prossimità dell’incrocio con il sentiero 112. Si cammina su una mulattiera ampia e ben segnata che porta in breve a guadare il rio su un ponticello in legno, riprendendo poi sulla destra, parallela al corso del fiume. Si prosegue in piano, sotto una lecceta rada, fino a giungere nei pressi della Fonte s’Acqua Frischedda, oggi interrata.

Dalla sorgente si prende a sinistra, in decisa salita su una mulattiera che con ampi tornanti guadagna quota rapidamente. Il sentiero è spesso dilavato dall’acqua ed a causa del passaggio di mezzi su due ruote. Alcuni varchi nella vegetazione concedono delle viste splendide sulla vallata appena percorsa e sulle selvagge cime della zona di Magusu.

Attenzione! Tratto per escursionisti esperti (EE).

Si esce dal bosco presso una spianata tra la macchia, dove un sentiero poco evidente porta sulla destra, mentre sulla sinistra si scenderebbe sul greto del Rio Oridda per un difficile sentiero (n. 113). Si prosegue quindi a destra, in salita per una zona sgombra di vegetazione dove ci si muove su terreno roccioso, infido se bagnato o umido. Man mano che si sale si apre una visuale splendida sulla gola sottostante, formata dal salto di Piscia Irgas sul corso del Rio Oridda.

In leggera discesa si giunge ad un altro incrocio poco evidente col sentiero 113 che porta proprio alla cascata, nel quale si prosegue ancora a destra, continuando a scendere gradualmente. In breve ci si raccorda ad una sterrata nella zona dell’alto corso del Rio Oridda, contraddistinta da ampi rimboschimenti a conifere. Al primo bivio che si incontra si prende a destra, in direzione nord.

Si prosegue nella sterrata immersa nel rimboschimento, inizialmente in piano e poi, dopo aver lasciato alla propria sinistra una ulteriore sterrata, in costante salita per una larga cresta, giungendo in zona alta e splendidamente panoramica dove si prosegue sempre sulla sterrata principale fino ad arrivare ad un grosso incrocio in località Genna de Muru Mannu. Qui si raccorda il sentiero che porta alla zona di Marganai, in direzione Arenas, proseguendo sulla destra fino all’Ovile Linas per un percorso più breve dell’itinerario che si sta seguendo. Si procede invece diritti, in direzione dell’affilata schiena di Muru Mannu, nota anche come Sa Canoa.

Attenzione! Tratto per Escursionisti Esperti (EE).

Si costeggia un muretto a secco, in ripida salita ed in ambiente selvaggio, in direzione della schiena rocciosa sopra menzionata. La si attraversa dove ancora non è molto rilevata, a quota 830, per poi tenerla alla propria destra salendo ripidamente fuori dalla vegetazione. Si tiene la cresta ridiscendendo leggermente, per poi risalire decisamente per un lungo tratto estremamente panoramico su tutto il massiccio del Linas, raggiungendo Monte Nippis e tenendosi comunque sulla cresta fino ad un evidente valico dove, sulla sinistra, si potrebbe raggiungere la bella e panoramica cima di Monte Lisone (non segnalato).

Si piega leggermente a destra abbandonando la cresta e scendendo gradualmente, incontrando nuovamente alcuni tratti di vegetazione stentata. Il sentiero diviene gradualmente una vecchia pista forestale che si segue in costante, ma graduale, discesa. Per una zona rimboschita si arriva nei pressi di una costruzione privata, dove si segue la sterrata principale sulla destra, in località Riu Purdeddus. La sterrata si ricollega ad un’altra ampia pista forestale.

La pista appena incontrata porta, se seguita sulla destra, all’Ovile Linas ed ai sentieri ad esso collegati. Si prende invece a sinistra, ormai senza possibilità di errore, raggiungendo l’ampia sella di Genna Padenti dove si collega anche l’alta via del Linas.

Sei già stato qui? Com'era?

Valuta l'impegno richiesto: 1. Per tutti; 2. Semplice; 3. Fisicamente impegnativo; 4. Fisicamente e tecnicamente impegnativo, guida consigliata; 5. Per esperti.
Ancora nessun voto

Commenta

Dati

Attività
Trekking
Difficoltà
TrekkingEscursionista Esperto
Tipo di fondo
Carrereccia/Mulattiera
Sentiero
Strada sterrata
12.274 m
5 ore a piedi

Stato di Validazione

Dettagli Tecnici

Codice CAI
101
Quota minima
414 metri
Quota massima
1.050 metri
Dislivello totale in salita
478 metri

Scarica GPX

Progetto cofinanziato con il Fondo Europeo per lo Sviluppo RegionaleLa Cooperazione al cuore del MediterraneoLogo progetto IntenseLogo Agenzia Forestas (italiano/sardo)Logo Regione Sardegna