Tu sei qui

Montarbu - San Sebastiano

Rio Ermolinos.jpg

Lungo il rio Ermolinos
Lungo il rio Ermolinos
Il sentiero 112 dal Centro Servizi Ula (Montarbu) costeggia lo splendido rio Ermolinos tra salti d'acqua, piccole cascate e l'ombra della fitta vegetazione.
Foto di
Saba Alessio

Falesia del Tonneri.jpg

Falesia del Tonneri, Seui
Falesia del Tonneri, Seui
Foto di
Marongiu Mauro

Funtana d'oro.jpg

Funtana d'oro, Seui
Funtana d'oro, Seui
Foto di
Marongiu Mauro

Il Percorso parte dal Centro Servizi della Foresta Demaniale di Montarbu dove è possibile il pernottamento in foresteria e nel campeggio montano in fase di realizzazione.

Nel primo tratto il tracciato ricalca il vecchio e bellissimo "sentiero Ermolinus” lungo l’omonima valle, per poi attraversare per alcuni chilometri l'antica foresta di leccio. Lungo questo cammino è possibile ammirare il leccio monumentale, detto s'Ilixi 'e Canali, che con i suoi 6 m di circonferenza e 18 metri d’altezza domina l’area di sosta e la fontana situate nelle vicinanze.

Informazioni utili

Il primo tratto del Sentiero, dalla caserma Ula e lungo il rio Ermolinos, sino al leccio monumentale, può essere facilmente percorso dalle famiglie e con i bambini: questo primo tratto di pochi km del sentiero è suggestivo, costeggia il rio ermolinos, ed è adatto per i bambini. Si consiglia tuttavia di ripercorrerlo a ritroso per non prolungare il tragitto oltre i primi 2 km, se accompagnati dai bambini.

Il percorso
Roadbook

Il primo tratto del sentiero (primi 1600 metri) ripercorre l'antico sentiero lungo il Rio Ermolinos, costeggiandolo: qui il percorso è sempre ombreggiato, e reso gradevole dalla presenza dell'acqua. La pendenza è notevole, specie al termine di questo tratto, e si passa da quota 870metri s.l.m. (casema Ula) sin oltre i mille metri. 

Il successivo tratto, rimanendo nel perimetro di Montarbu, assai boscato, percorre ulteriori 7 km del tracciato, raggiungendo dapprima quota  1130 metri s.l.m. per poi ridiscendere verso quota 950 ed intraprendere infine una ulteriore salita con pendenze significative verso il finale del tratto, che conduce al passo di Sa scala e sa Marra.

Attraverso il passo di Sa scala e sa Marra il sentiero supera l’imponente falesia calcarea del Tonneri per attraversare un particolare tratto di bosco (raro in Sardegna) caratterizzato dalla massiccia presenza del carpino nero.

 

Uscito ormai dal comprensorio di Montarbu, il sentiero assume una connotazione archeologica attraversando il vasto parco archeologico di Ardasai dotato della propria interessante rete di sentieri.

Dopo aver attraversato la spettacolare area di Monte Taddì il sentiero si dirige nella discesa verso Seui raggiungendo, attraverso un antico selciato, le miniere abbandonate di Corongiu

 

In prossimità della chiesa campestre dedicata a San Sebastiano il percorso termina incrociando il sentiero che da Seui porta a Seulo.

Sei già stato qui? Com'era?

Valuta l'impegno richiesto: 1. Per tutti; 2. Semplice; 3. Fisicamente impegnativo; 4. Fisicamente e tecnicamente impegnativo, guida consigliata; 5. Per esperti.
Average: 4 (2 votes)

Commenta

Dati

Arrivo
Attività
Trekking
Sentieri di montagna
Difficoltà
TrekkingEscursionistico
Tipo di fondo
Sentiero
Strada sterrata
23.100 m
9 ore 45 min a piedi

Stato di Validazione

Dettagli Tecnici

Codice CAI
T-112
Quota minima
860 metri
Quota massima
1.158 metri
Dislivello totale in salita
940 metri

Progetto cofinanziato con il Fondo Europeo per lo Sviluppo RegionaleLa Cooperazione al cuore del MediterraneoLogo COREMLogo Agenzia Forestas (italiano/sardo)Logo comune di Sassari