Tu sei qui

Da Maidopis al Pianoro di Acqueddas (anello)

IMG_20141223_131655696_HD.jpg

Acqueddas, Panorama sulle creste
Acqueddas, Panorama sulle creste
Foto di
Saba Alessio

IMG_20141223_123624708_HDR.jpg

Panorama con scorcio sul mare di Costa rei
Panorama con scorcio sul mare di Costa rei
Foto di
Saba Alessio

Il percorso parte da Maidopis, presso il ponte sul rio su Pressiu e, costeggiando il Giardino botanico, inizia a salire prima su strada sterrata poi su sentiero. Per buona parte della prima salita, approsimativamente nei primi 1100 m di percorso, il sentiero costeggia il torrente: qui, a tratti, in inverno o dopo abbontanti pioggie autunnali o primaverili, è possibile imbattersi (per qualche centinaio di metri) in punti ove la sede del sentiero è parzialmente invasa dall'acqua ed occorre attraversare il piccolo ruscello in vari punti, servendosi dei sassi o dei passaggi convenienti.  Si continua a salire, fino ad arrivare dopo circa 2 km nel grande pianoro di Acqueddas con vegetazione più rada e numerose postazioni da dove ammirare grandi rocce dalle forme bizzarre. Attraversato il pianoro si continua su un sentiero tenendo la destra e costantemente in discesa nel fitto bosco si arriva ad Arcu su Crabiolu (dopo circa 3,5 km dall'inizio del percorso) e da qui  in breve tempo si arriva più a valle, lungo un percorso immerso nel bosco, giungendo prima alla vecchia casermetta forestale (ben conservata ma in disuso e poco presidiata) e poi ritornando al Giardino botanico di Maidopis, che si incontra dal lato opposto a quello di partenza. Qui all'arrivo sarà possibile ed assai probabile incontrare, nel recinto, i Cervi che si nutrono e che spesso concedono al visitatore ssguardi ravvicinati.

Informazioni utili

Mettendo nello zaino un paio di binocoli si potrà godere nel dettaglio di tanti splendidi panorami e spaziare con lo sguardo per osservare il panorama circostante, ed in particolare:

  • una vista ravvicinata delle creste granitiche che caratterizzano i SetteFratelli
  • i monti di Burcei;
  • il mare verso la costa orientale;
  • le cime di punta Serpeddì con i suoi numerosi ripetitori ed antenne per le Telecomunicazioni.

 

Il percorso

Sei già stato qui? Com'era?

Valuta l'impegno richiesto: 1. Per tutti; 2. Semplice; 3. Fisicamente impegnativo; 4. Fisicamente e tecnicamente impegnativo, guida consigliata; 5. Per esperti.
Average: 2.4 (13 votes)

Commenta

Dati

Attività
Passeggiate e Nordic Walk
Trekking
Difficoltà
TrekkingEscursionistico
Tipo di fondo
Fuoripista
Sentiero
Strada sterrata
Tratturo
4.650 m
2 ore 30 min a piedi

Stato di Validazione

Dettagli Tecnici

Codice CAI
Sentiero n.1 (Rosso)
Quota minima
565 metri
Quota massima
790 metri
Dislivello totale in salita
235 metri

Scarica GPX

Progetto cofinanziato con il Fondo Europeo per lo Sviluppo RegionaleLa Cooperazione al cuore del MediterraneoLogo COREMLogo Agenzia Forestas (italiano/sardo)Logo comune di Sassari